La risorsa “sprecata” dei rifiuti


2209-5-height-500

Notevole riduzione del costo della spazzatura (solo 160 euro l’anno); drastica riduzione dello sversamento in discarica (da 3mila tonnellate nel 2006 a 238 nel 2013); sviluppo di una gestione pubblica rispettosa dell’ambiente e, soprattutto, creazione di posti di lavoro specializzati: sono i risultati dell’esperimento condotto a Ponte delle Alpi in provincia di Belluno. Un modello che potrebbe – anzi, dovrebbe, e non si capisce perché non sia ancora stato fatto – essere adottato anche nel resto del Paese. Ne dà conto il saggio pubblicato da Emi – Editrice Missionaria Italiana, “I rifiuti? Non esistono!” di Marco Boschini e Ezio Ortes i quali, oltre a dimostrare come sia possibile trasformare un’emergenza in una fonte di sviluppo e di guadagno, forniscono una serie di utili informazioni: ad esempio che le migliori esperienze europee nei servizi della raccolta differenziata sono italiane, gestite da società e consorzi pubblici, e che in un’Italia “che a fatica raggiunge il 40% di raccolta differenziata brillano esperienze di gestioni oculate, di servizi di eccellenza, con livelli di differenziata elevatissimi, bilanci in utile e tariffe eque”. Gli autori del libro, che fanno parte dell’Associazione Comuni Virtuosi, ci dimostrano dunque dati alla mano che i rifiuti posso davvero essere una risorsa.

MC

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...