Il primo siciliano al Quirinale


download

di Giovanni Palladino

Oggi ho inviato al nuovo Presidente della Repubblica il nuovo libro di Luigi Sturzo SERVIRE NON SERVIRSI edito da Rubbettino con la seguente dedica:

A Sergio Mattarella, con l’auspicio che possa passare alla storia come un grande statista italiano e siciliano seguendo l’esempio del Servo di Dio don Luigi Sturzo, che ha sempre servito e non si è mai servito”.

Alle ore 14 di sabato scorso, commentando su Radio Radicale la notizia dell’elezione di Mattarella, Marco Pannella ha detto:

Penso che l’ispirazione di Luigi Sturzo possa essere rivendicata da questo nuovo Presidente della Repubblica”.

E ieri Ciriaco De Mita, intervistato da La Stampa, alla domanda se fosse sostenibile una somiglianza tra Scalfaro e Mattarella, ha risposto:

Per amor di Dio! Sergio è un cattolico vero, siciliano, coerente. Scalfaro era un ipocrita, un clericale del nord”.

È lo stesso De Mita, che nel mandare Mattarella in missione a Palermo nel 1989 per ripulire liste e partito dagli uomini di Ciancimino, dichiarava con grande onestà, ma con un certo imbarazzo:

La Dc ha un grande peccato: il suo retroterra culturale è il popolarismo di don Sturzo, ma la nostra gestione del potere è in contraddizione con questo insegnamento”.

Il 17 febbraio 1989, su La Repubblica, Giampaolo Pansa intervistò Mattarella sullo stesso problema. Ecco la risposta: “I tanti padroni delle tessere in sede locale paralizzano la vita della Dc. I leader nazionali sono prigionieri di questi concessionari del marchio democristiano all’opera nelle correnti e nelle sub-correnti. Dobbiamo rompere questo sistema, altrimenti i partiti moriranno. Non abbia timore di attribuirmi questa previsione nera”.

Ma Sturzo l’aveva già fatta 30 anni prima, rivolgendosi ai democristiani, il 21 luglio 1959 su Il Giornale d’Italia:

Guardate bene ai pericoli delle correnti organizzate in seno alla Dc: si comincia con le divisioni ideologiche, si passa alle divisioni personali, si finisce con la frantumazione del partito”.

Buon lavoro Presidente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...