COME “PULIRE” I BILANCI DI UN COMUNE IN DISSESTO


Articolo pubblicato da PANORAMA il 21 dicembre 2016

COME “PULIRE” I BILANCI DI UN COMUNE IN DISSESTO

di Carmelo Caruso
“Ho poche idee, ma ambiziosissime” dice Massimo Giaconia. Quali? “Fare del Comune di Caltagirone il Leicester (la squadra di calcio che a sorpresa ha vinto il campionato inglese) dei municipi virtuosi”. In realtà oggi Caltagirone è tra gli 85 Comuni più dissestati d’Italia, ed è nella classifica dei retrocessi per vergogna economica e per fallimento politico. Nella cittadina in provincia di Catania, dove nel 1871 è nato don Luigi Sturzo e che da 23 anni è un fortino della sinistra, lo scorso giugno gli abitanti si sono consegnati al centro-destra. Ma dopo aver capovolto le ideologie, ora a Caltagirone stanno finalmente rovesciando anche i conti. Setacciando e sminando, leggendo e studiando, Massimo Giaconia, Assessore al Bilancio, su 23 milioni di debiti ne ha tagliati 5 con un colpo di penna e gli occhiali sul naso. Giaconia si è introdotto nel tunnel dei residui passivi che, sostiene, sono “la spazzatura dei bilanci comunali, la pentolaccia delle spese mai realizzate e mai cancellate”. Iscritti nei bilanci di ogni Comune, i residui passivi appesantiscono il debito e tormentano i sindaci. “Parliamo di impegni di spesa superati dal tempo” dice Giaconia. “Ogni anno è compito dei dirigenti esaminare la loro natura e depennarli: valutarli è un dovere, cestinarli una necessità”. E invece l’Assessore dice che rimangono come i vestiti nell’armadio che nessuno indossa più, ma che ci confondono e ci ostacolano. “A Caltagirone, tra i residui passivi, ho scoperto 300 mila euro di premi di produttività per i dirigenti. I risultati non erano stati raggiunti, ma il denaro era comunque rimasto impegnato”. Che cosa è per lei Caltagirone? “È il mio servizio civile”. Siciliano di Caltagirone, Giaconia ha 57 anni, ma da 40 vive a Milano, dove ha studiato e lavora. Economista e consulente tributario, Giaconia si occupa di finanza internazionale per lo studio legale Baker & McKenzie, che è ormai storia e mito per chi fa diritto. Per quale motivo si è “prestato” al settore pubblico? “La competenza, che si sposa con il pubblico, può produrre miracoli” sorride. A Caltagirone, per esempio (e per ora), ha generato un diluvio di notifiche. Sono circa 40 mila quelle che Giaconia ha ordinato di spedire: solleciti per tasse mai incassate, che da sole ammontano a circa 20 milioni. La cacceranno? “Io credo che invece pagheranno. E se solo il Garante per la Privacy fosse d’accordo, sarei pronto a rendere pubblici i nomi degli evasori”. Forse è gogna? “Assolutamente no. Va detto in maniera chiara che non si tratta di un’evasione di necessità, ma di benessere e furbizia”. In Sicilia, dove i Comuni in dissesto sono 17 su 390, Giaconia si sta inventando gli Stati Generali degli enti dai conti sfasciati. “Voglio far sedere allo stesso tavolo i Sindaci di questi Comuni. Siamo in serie B, ma possiamo puntare ai play off”. Forse punta alla politica? “In effetti mi sono occupato di ‘crowdfunding’ per Stefano Parisi”. Vuole esportare le sue idee in Sicilia? “No, voglio portare Caltagirone in Italia”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...