11 MILIONI DI #VOTI NON TORNERANNO AL VECCHIO #CENTRODESTRA


parisi_auto
Ieri IL GIORNALE ha pubblicato una interessante intervista a Stefano Parisi, con un titolo in prima pagina (“APRO ALLA LEGA MA I PROGRAMMI SIANO CHIARI”) che non riflette correttamente il pensiero di Parisi, che in realtà punta a occupare “una grande area tra il Pd e la Lega”, ben sapendo che Salvini non accetterà mai di aderire al suo programma liberale e popolare. Tuttavia anche una eventuale “apertura” a Forza Italia non servirebbe a Parisi per recuperare gli 11 milioni di voti persi dal vecchio centro-destra, in parte finiti al M5S e in parte rimasti a casa nella folta schiera degli astenuti. Quei voti sono stati persi, perché 11 milioni di elettori non hanno più fiducia in Berlusconi e nei suoi colonnelli, compresi Meloni e Salvini. L’errore di Alfio Marchini deve far riflettere. Lo scorso 6 aprile, ne ILFLASH n. 413 dal titolo “SPERO CHE BERLUSCONI ‘BACI’ GIORGIA MELONI”, scrissi: “È probabile che nei prossimi giorni, in presenza di dati negativi provenienti dai sondaggi, Berlusconi abbandoni Bertolaso come candidato sindaco al comune di Roma. Il mio augurio è che il “bacio” dell’ex-cavaliere venga dato a Giorgia Meloni e non ad Alfio Marchini, che di recente ha giustamente affermato che ‘le elezioni comunali di Roma sanzioneranno la morte del centro-sinistra e del centro-destra”, scegliendo lo slogan elettorale “LIBERI DAI PARTITI” e rivolgendo il suo appello ai ‘romani liberi e forti’. Se dovesse accettare il ‘bacio’, ossia l’appoggio di Berlusconi, Marchini contraddirebbe le suddette affermazioni, con il pericolo di perdere almeno 5 voti per ogni voto guadagnato grazie a quel ‘bacio’”. Così è stato e il voto di protesta ha premiato Virginia Raggi. Il 13 dicembre scorso, nel suo affollato e ben riuscito primo intervento a Roma presso il Grand Hotel Parco dei Principi, Parisi ha affermato di sentirsi “libero” dopo il dietro-front di Berlusconi. Benissimo e così deve continuare a sentirsi, se vuole recuperare, almeno in parte, quegli 11 milioni di voti persi dal centro-destra. Parisi ha chiuso così l’intervista di ieri: “In Italia si parla di centro-destra solo quando si litiga. Pensiamoci, ci sono 11 milioni di elettori che aspettano solo di poter tornare a votare una proposta nuova e credibile”. Sono 11 milioni di italiani convinti che Berlusconi, Meloni e Salvini non hanno alcuna proposta nuova e credibile. “Voglio ricompattare il centro con persone credibili” dice Berlusconi, senza capire che è innanzitutto lui a non essere più credibile per milioni di elettori che lo hanno abbandonato.

Giovanni Palladino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...