“Virgilio”: “Porte aperte” alla legalità


“Virgilio”: “Porte aperte” alla legalità

 

di Gian Paolo Vitale

 

 

liceo virgilio roma

La “fuga” dal liceo romano “Virgilio” è scongiurata, dopo il ritorno (speriamo non momentaneo e di facciata) alla legalità. Certamente non grazie al ridicolo ‘spot’ pubblicato domenica scorsa dal Corriere della Sera, un video di pochi minuti girato da alcuni studenti e postato sulla pagina Facebook del Collettivo. Un video di ‘angioletti’ che vorrebbe essere di replica alle “falsità di giornali e della preside”. Va osservato che si tratta dello stesso quotidiano che ha dato la clamorosa notizia, alla fine dell’ occupazione del liceo, di un video-hard con annesse presunte proteste dei genitori dei ragazzi (sempre presunti) coinvolti. Poi quella notizia non ha più lasciato tracce di sé, ma è servita a qualificare come “balle” tutto il resto, compreso il clamore mediatico originato dalla ‘festicciola’ allargata che ha concluso l’occupazione.
Abbiamo già qualificato quello del “Virgilio” un caso di scuola. Per fortuna molto ‘romano’, di caste, elitario, non smentibile da qualche decina di studenti che provengono dalle periferie e dalla provincia, anziché da Roma-centro. Le modalità dell’ occupazione del Virgilio e le prime reazioni dei genitori e parenti e amici vip, la loro boria  e  difesa assolutoria, e minimizzazione del “caso”, tutto questo ha suscitato il primo, graffiante commento di costume del vicedirettore del “Corsera” Gramellini: il seguito (vedi il teatrino organizzato da Lucia Annunziata su RaiTre) è appunto un caso di scuola. Di cattiva scuola.
Però è opportuno che lo ‘scandalo’ avvenga, se è utile per fare dei passi in avanti, nel  caso del ritorno alla legalità. Anche senza l’aiuto della politica e di alcune istituzioni, che non sono intervenute per aprire le finestre del Virgilio e far entrare aria fresca. Al contrario. Ma già sappiamo che molti genitori intenzionati a ritirare i loro figli ci stanno ripensando, e qualche docente scappato negli anni scorsi potrebbe tornare.
“Porte aperte”, appunto. Venerdì si vedrà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...